Non pensare. Tutto quello che stai pensando è sbagliato.

Non puoi leggere più il mio cuore. Non c’è specchio, solo un pozzo nero dove neanche io guardo più.

Se vuoi capire, devi andare oltre la muraglia cinese, oltre la corazza di ottone. Devi squartare il ferro e il ghiaccio, e cercare la carne. Prendi coraggio e vieni a parlarmi. Convincimi che non sei quello che penso. Ma so già che non lo farai.

“Hai corazón“, mi hanno detto.

Corazón è uno scrigno. Mi auto-contiene. La vera essenza di me dorme nel carillon. Aprilo per sentire la musica, ma non so dirti come.

Corazón è il pezzo di anima che io non sono più, la parte staccata dal corpo. La vita che brucia oltre le pareti ignifughe della gabbia toracica e non mi scotta. La lingua del corazón è un codice morto, parla come i vecchi e solo i vecchi lo capiscono. Neanche tu l’hai mai tradotto. Hai voluto smettere di sentirlo, e per smettere di sentirti, ho dovuto chiuderlo anche io.

Non esiste più la legge del corazón nella mia vita. C’è solo la giustizia che devo alla mia carne. La pelle che deve salvarsi dalle lacerazioni. Forse anche tu ti stai salvando.

Non capisco, e non devo capire.

Fai la vita che hai scelto. Senza rischi. Come biasimarti? Neanche io rischio più. Scegli la cosa semplice, limitati a quello che sei già. Vivi la tua vita come se la figurano gli altri. Fai quello che gli altri si aspettano da te. Quello che tu vuoi aspettarti da te.

Questo silenzio è la risposta più eloquente che tu potessi darmi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...